Repertorio Sacro

Nel rispetto della tradizione del canto "a cuncordu," i canti sacri hanno sempre avuto una importanza maggiore nei confronti dei canti definiti "profani".
Il motivo di questa prevalenza dei canti sacri è da collegare alla nascita dei vari Cuncordu nelle varie parti del centro-nord Sardegna che avveniva, di solito, nelle Confraternite.
In sardegna ci sono vari esempi di Cuncordu che fanno parte delle Confraternite dei loro luoghi e fra i loro compiti di aiuto alle varie funzioni religiose c'è anche quello dell'accompagnamento, con il canto, dei vari momenti della vita della chiesa.
Fra i vari momenti che si susseguono nell'ambito religioso quello che assume la massima importanza è la rappresentazione della Settimana Santa dove i vari Cuncordu cantano lo Stabat Mater, Miserere, Sette ispadas de dolore, No mi giamedas Maria, etc.

 

a Pozzomaggiore

Il Cuncordu Planu de murtas, durante la Settimana Santa, esegue i canti specifici del momento.

 

Stabat Mater
Miserere
No mi giamedas Maria
Sette ispadas de dolore
Perdonu

 

Canti della Messa

 

Introduzione Gosos
Atto penitenziale Perdonu
Kirie eleison Kirie eleison
Alleluia Alleluia
Offertorio Babbu 'e su Paradisu
Santus Santus
Agnello di Dio Agnus Dei
Comunione Adoro Te devote
Ave Maria
Ave Maria
- Testo Ant. Maria Pinna
Fine Deus ti salvet Maria
Magnificat

 

Canti di Natale

 

Su Ninnidu
Custu Pizzinneddu
Nadale - Testo Gigi Piu
Sa Elda (Sos tres Res) - Popolare

 

 

html templates